logo ert fvg
logo ert fvg
banner stagione teatrale
PROSA
PROSA
Cronache dalla Shoah |Circuito Aperto|
Filastrocche della nera luce

di Giuseppe Manfridi
con Manuele Morgese
Fabrizio Bosso (tromba) e Julian Oliver Mazzariello (pianoforte)
regia di Livio Galassi
collaboratore alla regia: Manuele Morgese

produzione: TeatroZeta / Teatro Nazionale della Toscana
con il sostegno del MIUR, Ministero dell'Istruzione - dir. gen.le dello studente

Si tratta di una esecuzione polifonica, un “canto recitato” a più voci, scritto dal noto autore romano Giuseppe Manfridi, che vede Manuele Morgese calarsi nei panni di più personaggi testimoni e narratori dei terribili e drammatici episodi legati alla Shoah.
La voce dell’attore, attraverso le filastrocche di nera luce, si fonde, in un esperimento suggestivo e coinvolgente, alla musica di due interpreti di fama internazionale, Fabrizio Bosso alla tromba e Julian Oliver Mazzariello al pianoforte. Le scene e la regia sono di Livio Galassi e Manuele Morgese.
Lo spettacolo in forma di “ breve lettura” ha debuttato nella giornata della memoria 2019, ad Auschwitz
e in quella del 2020 ospite a Parigi presso l’Istituto di cultura italiano.

 

 

Note di Regia
Tutto è stato detto, e tutto resta ancora da dire: esaurite le più atroci parole a descrivere l’orrore del più abominevole crimine che la storia ricordi, non esistono parole per comprenderne il recondito perché.
Basta il cupo odio che intatto ha attraversato i secoli fino a noi, fomentato da una religione che si è impossessata del dio di Israele per reinventarlo a suo pro, perseguitando chi non si piegava alle sue manomissioni e voleva conservare integre le proprie antiche credenze, i propri miti, la propria appartenenza, la propria – pericolosa – “ diversità ”? Forse un fondo di nera frustrazione ha irritato e ingelosito il confronto con un popolo che sempre si è nobilmente rialzato dai reiterati soprusi, aggrappandosi fiero alla sua antica e mai rinnegata cultura. Mi chiedo, e vi chiedo – e lo chiedo soprattutto alla gretta imbecillità degli antisemiti: se togliamo alla storia del mondo – religiosa, etica, sociale, scientifica – gli ebrei Mosheh, ‘Abhrahm, Yehoshua ben Yosef, Marx, Freud, Einstein… che ne sarebbe?… E come spiegare, come giustificare il complice silenzio di tutti? Perlomeno di tutti quelli che sapevano, che intuivano, e che potevano incidere con il loro potere? Con quale inaudita impudenza si può testimoniare l’avvenuta ascesa in cielo di una madre vergine, e non la contemporanea caduta di milioni di innocenti negli abissi della umana abiezione? Anche dalla Tiburtina, da una stazione nella città del Cristo in terra, partivano i treni per lo sterminio senza che nessun anatema li arrestasse.
Doloroso e difficile è stato per l’autore immergersi in questo oceano di amarezza. Come uscirne senza scrivere di fatti e di giudizi che poco o nulla aggiungono al già scritto, al già detto, al risaputo? Ma la luce della poesia è stata il faro che ha illuminato l’approdo. Una luce nera è il dolente ossimoro che si riverbera nella struggente scrittura, la quale sfiora appena i fatti e si dilata nello smarrimento esistenziale che da quei fatti scaturisce. Parole che si frantumano ai singhiozzi della mente, si disperdono e si ricongiungono a tracciare la trama di un malessere senza riscatto e senza conforto. Da quella pesante putredine sublimano, esalano leggere pur trattenendo l’atroce ricordo, evanescenti come il fumo che usciva da quei macabri camini e che, testimonianza dell’eccidio, portava lieve con sé le anime delle vittime per liberarle in un cielo senza luce e senza dei.
Dolorosa e difficile l’impostazione registica. Può questa immane tragedia essere trattenuta in una struttura estetica? E quale?… Quella con meno estetismi, ho pensato. Quella che non descrive ma suggerisce: una “non scena” che disegna percorsi mentali, che imprigionano o si schiudono alla speranza; una recitazione prosciugata che non cerca compiacimenti né virtuosismi; una musica eletta che non cerca melodie; un tentativo di coinvolgerci tutti in un ineludibile senso di colpa.
Livio Galassi

Lo spettacolo è trasmesso gratuitamente in streaming per la rassegna Circuito Aperto dell'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia e resterà disponibile sulle piattaforme Facebook e YouTube per un mese dalla prima messa in onda..

su Facebook: ERTFVG
su YouTube: ERTFVG
DATE
27 gennaio 2021
21.00
San Vito al Tagliamento
DATE
27 gennaio 2021
21.00
San Vito al Tagliamento
ENTE REGIONALE TEATRALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - Via Marco Volpe 13, 33100 Udine
tel. +39 0432 224211 - fax: 0432.204882
mail info@ertfvg.it - Posta elettronica certificata: amministrazione.ertfvg@pec.it
P.IVA: 01007480302